COMUNICATO STAMPA CO-MAI VISITA CONTE IN LIBANO

 

*Libano,Foad Aodi(Co-mai);Apprezzamento all’Italia dai libanesi e dalle comunità arabe per la solidarietà, concretezza negli aiuti da sempre*

 

*Co-mai; Urge combattere la corruzione, servono progetti concreti a favore dei giovani , della sanità e per ricostruire il Libano e la fiducia del popolo nelle istituzioni*

 

Cosi la comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) apprezzano molto la visita del presidente Giuseppe Conte oggi in Libano dimostrando di avere a cuore la solidarietà e il sostegno verso il Libano ed i libanesi.

il Libano già attraversava il suo momento più tragico da mesi con instabilità politica e economica e alta disoccupazione che supera il 35% in particolare quella giovanile e poi tanti libanesi stanno cercando di lasciare il paese perché non trovano sbocchi lavorativi e per i continui conflitti interni politici e interreligiosi. Sono aumentati i suicidi del 10% negli ultimi mesi del 2020 per difficoltà economiche .e poi dopo l’espulsione è peggiorata molto la situazione in particolare quella sanitaria visto che i 4 ospedali di Beirut sono quasi fuori uso e sono stati più di 200 morti più di 7000 feriti e più di 300 mila sfollati dopo l’espulsione oltre all’emergenza Coronavirus già grave e con numeri sempre in aumento .Cosi Foad Aodi Presidente  Amsi Co-mai nonché membro registro esperti Fnomceo, dichiara e descrive in sintesi la situazione attuale in Libano che è in contatto continuo con i medici e giornalisti locali e domani mattina sarà di nuovo in diretta sulla TV Libanese Al Araby per parlare di sanità, Italia e Libano .

Aodi fa appello a Conte affinché l’Italia continui a sostenere il popolo libanese con la verifica che tutti gli aiuti italiani arrivino direttamente al popolo e non vengano sottratti come capita spesso ultimamente in Libano ,sostenere un Governo libanese democraticamente eletto dal popolo e sostenere i migranti e rifugiati siriani e palestinesi in Libano .

Inoltre Aodi si rivolge al popolo libanese invitando tutti a dialogare per uscire da questa crisi politica ed economica profonda e lasciare le divisioni ideologiche e religiose da parte .Il Libano era la svizzera del Medio Oriente e deve tornare tale e solo i libanesi possono fare questo miracolo dialogando ,unendo e non litigando tra di loro per motivi politici e religiosi .cosi Conclude Aodi

 

Ufficio Stampa 

www.co-mai.org 

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10219724252230633&id=1047859953