Wednesday, July 18, 2018

NEWS. Cina: Aborti forzati; Pechino; Interrogazione parlamentare; Genocidio culturale in Tibet

agosto 2, 2012 by redazione  
Filed under NEWS, Solidarietà

Il genocidio culturale in Tibet davanti alla Commissione ONU per i diritti umani
Negli scorsi giorni l’ICT (International Campaign for Tibet) ha presentato alla HRC (Human Right Commission) delle Nazioni Unite un rapporto intitolato “60 anni di malgoverno cinese: discussione sul genocidio culturale in Tibet”.

Nella foto: la presidentessa dell’ICT, Mary Beth Markey, a Ginevra

Durante la sessione estiva (n. 20, 18 giugno-6 luglio) delle riunioni dell’HRC, nel Palazzo delle Nazioni a Ginevra, si è tenuta una  tavola rotonda dal titolo “Diritti umani nella Repubblica popolare cinese: il genocidio culturale contro il popolo tibetano”.  Hanno partecipato i delegati  di diverse ONG e alcuni Cinesi che si sono qualificati “privati cittadini, presenti a titolo personale”. Il moderatore era il noto avvocato internazionale dei diritti umani Michael Van Walt van Praag.

“L’attuale situazione in Tibet merita una risposta qualitativamente diversa dalla comunità internazionale” perché non assistiamo da decenni a una semplice serie di casi di violazione dei diritti umani, ma ” i tibetani sono di fronte a una distruzione sistematica e intenzionale della loro cultura da parte delle autorità cinesi”, ha detto  la Markey.

Il direttore esecutivo dell’ICT in Germania, Kai Mueller, ha denunciato il continuo uso della forza contro manifestanti pacifici, mentre Ngawang Choephel, dello staff ICT a Ginevra, ha spiegato come da decenni è in atto una politica di marginalizzazione della lingua tibetana. I Cinesi presenti hanno replicato che i rappresentanti dell’ICT operavano una “distorsione dei fatti” e che “la Cina è uno Stato di diritto”.

Intanto i tibetani continuano a immolarsi.

Si può leggere o scaricare il rapporto in inglese sul sito Save the Tibet

Milioni di cinesi vengono condannati ai lavori forzati nei Laogai o importati clandestinamente e messi a lavorare come schiavi sul nostro territorio in laboratori clandestini, danneggiando la nostra economia e le nostre imprese. La LAOGAI RESEARCH FOUNDATION ITALIA ONLUS denuncia questa piaga del lavoro forzato e promuove risoluzioni e leggi per contrastarla (clicca qui per le mozioni e la proposta di legge).

Per continuare quest’opera abbiamo bisogno del vostro aiuto. Vi chiediamo un contributo anche piccolo!

Invia il tuo contributo:
- via Bonifico Bancario: Titolare: Laogai Research Foundation Italia – Banca Popolare di Sondrio Filiale Agenzia di Roma n.9 Conto Corrente: 119/0008250 BBAN:T 05696 03209 000008250X45 IBAN: IT26 T056 9603 2090 0000 8250 X45 - Codice Swift POSOIT22
- via Assegno Circolare, non trasferibile, intestato a: Laogai Research Foundation Italia Onlus Lungotevere Flaminio 80 00196 Roma
- via Pay Pal: Laogai Research Foundation Italia Onlus, mail: info@laogai.it

Sostieni inoltre la nostra attività DIVENTANDO SOCIO: clicca qui per il tesseramento 2012,  o donando il tuo 5×1000 alla Laogai Research Foundation Italia: clicca qui per maggiori dettagli.


Leggi qui le ultime notizie sull’altra faccia della Cina www.laogai.it