Wednesday, November 21, 2018

Test drive dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, un’auto che fa battere il cuore

novembre 8, 2018 by redazione  
Filed under NEWS

Test drive dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, un’auto che fa battere il cuore

di Vincenzo Bonanno

La prima “Quadrifoglio” che è anche un Suv. È la nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio. Sorprendente per design, prestazioni e tecnologia, assicura prestazioni esaltanti: da 0 a 100 km/h in appena 3,8 secondi. Monta l’esclusivo motore 2.9 V6 biturbo a benzina in alluminio, d’ispirazione Ferrari, che eroga 510 CV di potenza e sviluppa una coppia massima di 600. Cambio automatico ZF a otto marce e trazione integrale.

Chi lo ha detto che un Suv non può trasformarsi in una sportiva vera? L’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio ne è la dimostrazione. Prestazioni e divertimento alla guida (quello vero) vanno a braccetto con equilibrio, bilanciamento e precisione. In più, il vantaggio di guidare l’auto e godersela anche nella vita di tutti i giorni. Non a caso è ambita pure nel mondo Business.

Stile e design diventano complementari ad aerodinamica, velocità, potenza e guida. Il risultato è un’auto entusiasmante, da far battere il cuore: la nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, un Suv ad alte prestazioni, dalle eccellenti doti dinamiche.

TEST DRIVE NUOVA ALFA ROMEO STELVIO QUADRIFOGLIO

Allo stile sportivo e personale del suv del Biscione, questa versione aggiunge una massiccia dose di grinta. L’aspetto è più muscoloso. E poi c’è il poderoso V6 biturbo da 510 CV, abbinato al rapido cambio automatico a otto marce e all’efficace trazione 4×4.

Il grip dei generosi pneumatici e lo sterzo diretto e preciso sono solo due delle doti di guida della nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio. Qualità dinamiche valorizzate (senza sacrificare il comfort) pure dagli ammortizzatori a controllo elettronico. Questi ultimi fanno parte di una dotazione di serie che non è per niente male. Il prezzo di listino parte da 96.600 euro.

MOTORE E PRESTAZIONI

L’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è equipaggiata con l’esclusivo motore 2.9 V6 biturbo a benzina, in alluminio, di derivazione Ferrari. Eroga una potenza di 510 CV e sviluppa una coppia massima di 600 Nm. È abbinato al cambio automatico ZF a otto marce con calibrazione specifica, che permette cambiate in soli 150 millisecondi (in modalità Race). Di serie anche le grandi palette al volante (in alluminio), per massimizzare l’esperienza di guida.

La nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio scatta da 0 a 100 km/h in appena 3,8 secondi, raggiungendo una velocità massima di 283 km/h. Prestazioni da supersportiva.

Il Suv del Biscione ha un occhio anche per l’ambiente. Merito del sistema di disattivazione dei cilindri a controllo elettronico e della funzione “sailing”, disponibile in modalità di guida Advanced Efficiency. Consumo medio registrato: 8,4 km/l.

  • Motore 2.9 V6 biturbo a benzina e cambio automatico a otto marce
  • 510 CV di potenza massima a 6.500 giri/min e coppia massima di 600 Nm tra i 2.500 e i 5.000
  • Da 0 a 100 km/h in appena 3,8 secondi e velocità massima di 283 km/h
  • Cambio con calibrazione specifica e cambiate in soli 150 millisecondi in modalità Race
  • Di serie le palette del cambio in alluminio, fisse al piantone dello sterzo

DNA

Il cambio automatico è in grado, a seconda della modalità del selettore Alfa DNA Pro, di ottimizzare la fluidità, il comfort e la facilità di guida in tutti gli ambiti di utilizzo, compreso quello urbano.

Il nuovo selettore Alfa DNA Pro dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio modifica il comportamento dinamico del veicolo in base alle preferenze scelte dal driver: Dynamic, Natural, Advanced Efficiency (modalità di risparmio) e Race (l’ideale per il massimo delle prestazioni).

Nel dettaglio, la modalità Dynamic modifica i parametri del controllo motore per rendere l’erogazione più pronta, aumenta la velocità di cambiata e modifica la risposta delle sospensioni per una guida sportiva su strada. Invece, la modalità Natural garantisce erogazione e sospensioni all’insegna del comfort, per un perfetto equilibrio nella guida quotidiana. Esattamente l’opposto del settaggio Race, che disattiva i controlli di stabilità e trazione, esalta il suono dello scarico e massimizza le prestazioni per la guida sportiva su pista.

In Advanced Efficiency, infine, si migliora l’efficienza, tagliando i consumi con sistemi come il “sailing” e la disattivazione dei cilindri.

TRAZIONE INTEGRALE

Il motore 2.9 V6 biturbo benzina da 510 CV della nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è abbinato al sistema di trazione integrale Q4 (monitora continuamente numerosi parametri per garantire la miglior ripartizione della coppia tra i due assali in funzione dell’utilizzo della vettura e dell’aderenza).

Di serie anche il differenziale Alfa Active Torque Vectoring e l’Alfa Active Suspension (il sistema di controllo attivo e continuo delle sospensioni e degli ammortizzatori).

In condizioni normali, il sistema Q4 trasferisce il 100% della coppia all’assale posteriore. In queste situazioni, quindi, l’Alfa Romeo Stelvio si comporta come un’auto a trazione posteriore. All’avvicinarsi del limite di aderenza delle ruote, il sistema trasmette in tempo reale fino al 50% della coppia motrice all’assale anteriore.

Ulteriore peculiarità dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è l’innovativo sistema elettromeccanico Integrated Brake System (IBS): combina il controllo di stabilità con il tradizionale servofreno, garantendo una risposta istantanea del freno, limitando quindi la distanza di arresto, oltre a consentire un’importante ottimizzazione dei pesi.

DIMENSIONI E PESO

La nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è lunga 4,70 metri, alta 1,68 metri e larga 2,16 metri. Cerchi in lega bruniti da 20” con gommatura differenziata tra avantreno e retrotreno.

Con un peso a secco di 1.830 kg, l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio vanta un rapporto peso/potenza di 3,6 kg/CV, con una potenza specifica di 176 CV/l. Risultati che testimoniano la perfetta distribuzione dei pesi tra i due assi e l’utilizzo di materiali ultraleggeri come la fibra di carbonio per l’albero di trasmissione e l’alluminio per motore, sospensioni, freni, porte, passaruota, cofano e portellone posteriore.

COME VA

In città l’elettronica dà una bella mano. Le vie strette non sono l’habitat dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio ma, soprattutto nelle modalità Advanced Efficiency, il V6 è “mansueto” e lo Stop&Start non fa impennare i consumi. Buono il comfort grazie agli ammortizzatori a controllo elettronico. Indispensabili i sensori di parcheggio e la retrocamera.

Fuori città l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è esaltante. Nel misto veloce l’auto fa valere le sue doti: peso ridotto, sterzo diretto e preciso, gran tenuta di strada, rollio limitato, spinta vigorosa.

Il differenziale posteriore elettronico favorisce la precisione di guida e limita il lavoro dell’Esp. Potentissimi i freni, ma all’inizio bisogna “fare il piede” alla risposta pronta del pedale.

In autostrada, a 130 km/h, l’ottava marcia del cambio automatico fa lavorare ad appena 2.250 giri il 2.9 biturbo, e se si viaggia con un filo di gas il sistema di disattivazione di tre cilindri su sei non fa lievitare troppo i consumi. Utili i sensori per l’angolo cieco dei retrovisori e il cruise control adattativo.

LO STILE

Prestazioni estreme e tecnologia d’avanguardia trovano il giusto corrispettivo nello stile unico di Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, la massima sintesi del design italiano, interpretato in chiave Alfa Romeo, frutto della perfetta sinergia tra forma e funzione che si sviluppano attorno ad un corpo vettura sensuale e atletico.

I tratti dell’Alfa Romeo Stelvio sono già forti e marcati, ma sulla Quadrifoglio vengono esaltati maggiormente, con soluzioni concepite in funzione di uno stile ancora più sportivo, per soddisfare i peculiari elementi tecnici dell’auto: cofano con sfoghi strutturali per il passaggio dell’aria dall’interno verso l’esterno del vano motore, le minigonne sportive, i possenti archi passaruota (tutti in tinta carrozzeria) e i quattro terminali di scarico specifici.

Lo stile della griglia è inedito, con prese d’aria laterali per raffreddare gli intercooler. La fiancata è sensuale e muscolare, le proporzioni esprimono dinamicità e potenza.

INTERNI E INFOTAINMENT

La stessa impronta sportiva, con un tocco di eleganza tipicamente italiana, si ritrova all’interno, dove l’abitacolo è stato “cucito” come un abito raffinato, con cura artigianale e materiali pregiati: fibra di carbonio, pelle e Alcantara.

Al centro della plancia spicca il nuovo sistema infotainment Alfa Connect 3D NAV 8.8”, che prevede gli standard Apple CarPlay e Android Auto. Lo schermo non è touch: lo si comanda molto semplicemente con la grande manopola e i due tasti sul tunnel, secondo logiche facilmente interpretabili, che non richiedono di distogliere troppo l’attenzione dalla guida. Ma si può ricorrere anche ai comandi vocali. Di serie la radio DAB.